X PER GARANTIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIES
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla nostra Cookie Policy ACCETTO
Filtri
Città
Tipologia
Provincia
Superficie
Non riesci a trovare quello che stai cercando?
Soluzioni interni
RESIDENZA SAN MARTINO Schiavi SpA mette a disposizione la propria competenza per supportare i clienti nell'organizzazione degli spazi interni della casa, in accordo con le loro necessità funzionali ed estetiche. Le soluzioni d'interni che abbiamo specificamente progettato per la Residenza di Lecco San Martino sono proposte ad altissimo valore aggiunto in termini di stile, colori, arredamento e performance, pensate per mettere in risalto i numerosi dettagli di pregio degli appartamenti: vi proponiamo un interior design di eccellenza a completamento della vasta gamma di servizi offerti dalla nostra azienda. Scopri di più
ANTICA CORTE RURALE Barzago, via Risorgimento

Un piccolo borgo medioevale posto sulla cima della collina di Verdegò a Barzago. Questa è la location dell' Antica Corte Rurale appena ristrutturata.
Innovative soluzioni di design unite all'utilizzo delle più avanzate tecniche per il risparmio energetico fanno di questa Antica Corte Rurale un piccolo gioiello collocato in una posizione di pregio che domina le vallate circostanti.

Scopri di più
VILLA GARDENIA Lecco Via Magnodeno
Se amate la tranquillità e desiderate una casa comoda e costruita secondo i più moderni criteri dell’ergonomia Villa Gardenia è la casa che fa per voi!
Immerso nel verde, alle spalle dell'Ospedale Manzoni, in posizione riservata, comoda e servita dai mezzi pubblici, oltre che dalle principali arterie stradali, il nuovo complesso residenziale gode anche di una certificazione energetica in classe A.

Scopri di più
RESIDENZA MAGNOLIA Nibionno, Via Don Luigi Sturzo

La residenza Magnolia rappresenta l’esempio perfetto della realizzazione di un complesso abitativo che ha coniugato il risparmio energetico con spazi ben organizzati, finiture di prima qualità e attenzione ai dettagli. La soluzione ideale per la vostra casa di domani.
Scopri di più
SOMMA CENTER Somma lombardo, Via Vignola

In posizione centrale, alle spalle del Castello, nell'elegante contesto della Residenza Somma Center di Somma Lombardo, disponiamo di appartamenti e negozi di diversa metratura.
Questi spaziosi appartamenti vi consentiranno di disporre l’arredamento nel modo che più vi compiace, per creare una casa completamente personalizzata e fatta su misura per le vostre esigenze.
Scopri di più
ANTICA CORTE RURALE Barzago, via Risorgimento

Un piccolo borgo medioevale posto sulla cima della collina di Verdegò a Barzago. Questa è la location dell' Antica Corte Rurale appena ristrutturata.
Innovative soluzioni di design unite all'utilizzo delle più avanzate tecniche per il risparmio energetico fanno di questa Antica Corte Rurale un piccolo gioiello collocato in una posizione di pregio che domina le vallate circostanti.

Scopri di più
RESIDENZA SAN MARTINO Schiavi SpA mette a disposizione la propria competenza per supportare i clienti nell'organizzazione degli spazi interni della casa, in accordo con le loro necessità funzionali ed estetiche. Le soluzioni d'interni che abbiamo specificamente progettato per la Residenza di Lecco San Martino sono proposte ad altissimo valore aggiunto in termini di stile, colori, arredamento e performance, pensate per mettere in risalto i numerosi dettagli di pregio degli appartamenti: vi proponiamo un interior design di eccellenza a completamento della vasta gamma di servizi offerti dalla nostra azienda. Scopri di più
134519
SORRISI DEI CLIENTI
168483
MQ GIARDINI
150
PROFESSIONISTI ALL'OPERA
557600050
MATTONI POSATI
BLOG
Mutui e finanziamenti: alcuni consigli per muoversi in Brianza Se desiderate acquistare la vostra casa nella splendida Brianza avrete bisogno di conoscere una serie di informazioni relative sia al territorio in cui andrete ad abitare sia alla scelta di mutui e finanziamenti per l’immobile dei vostri sogni. Una buona base da cui partire per individuare la casa che fa per voi e chiederne il mutuo è l’elenco dei dati di prezzo di richiesta degli immobili nella zona di vostro interesse. Secondo i più recenti report di Immobiliare.it, ad esempio, nello scorso mese di ottobre il prezzo più alto al metro quadro degli immobili in vendita in provincia di Monza e Brianza è stato registrato nel comune di Biassono, con una media di 2,111 euro al metro quadro. Al contrario, il prezzo di richiesta più basso è invece relativo agli immobili nel comune di Renate, con un valore medio di circa 1,074 euro al metro quadro. Ovviamente si tratta di valori variabili e che tendono a fluttuare col passare del tempo e, almeno per una valutazione preliminare e soprattutto se non avete ancora ben chiaro in quale comune (o provincia, dal momento che la Brianza ne copre diverse) andrete ad abitare, è importante averne almeno un quadro di massima perché, inevitabilmente, il prezzo dell’immobile è una fortissima discriminante nella richiesta di un mutuo o di un finanziamento. hbspt.cta.load(3786805, '35017c42-96b9-4586-a5e7-d8f67d886826', {}); Una volta che avrete individuato la zona di vostro interesse, è essenziale scoprire quali immobili può mettere a vostra disposizione. In funzione delle vostre necessità e tempistiche per l’acquisto della casa, potrete optare per l’acquisto di un immobile già realizzato oppure per una casa ancora in fase di costruzione. Un esempio pratico è rappresentato dalla bellissima Residenza San Martino che noi di Schiavi SpA stiamo realizzando a Lecco. Non soltanto questa soluzione immobiliare si colloca in una delle città brianzole più affascinanti e vitali, oltre che esteticamente seduttive, ma vi offrirà la possibilità di scoprire un progetto architettonico nel quale un appeal estetico eccezionale si unisce a una qualità di vita superiore. Il nostro modo di intendere l’abitare vira all’eccellenza non soltanto architettonica, ma anche abitativa. Se la vostra scelta di vivere in Brianza prende dunque in considerazione la città di Lecco, Residenza San Martino può realmente fare al caso vostro, con i suoi trenta appartamenti di varie metrature e che includono sia soluzioni estremamente intime e raccolte che enormi attici con giardino in quota e splendida vista sui dintorni. Mentre noi terminiamo la costruzione di questo ambizioso e importante progetto immobiliare, che sorgerà in una posizione estremamente comoda rispetto ai principali servizi cittadini, voi avrete tutto il tempo di pianificare in dettaglio sia la vostra richiesta di mutuo che il successivo trasferimento nella casa dei vostri sogni. La nostra conoscenza capillare del territorio ci mette in condizione di offrirvi la migliore consulenza per aiutarvi a individuare l’appartamento che davvero risponde alle vostre esigenze, sia estetiche che funzionali. Saremo accanto a voi per consigliarvi e suggerirvi le soluzioni migliori per il vostro futuro e vi garantiremo tutti i vantaggi di una vendita diretta e priva di intermediari. Nessuno quanto noi conosce l’immobile in cui abiterete. Per ottenere un mutuo per la vostra casa in Brianza, vi consigliamo di richiedere l’offerta a diversi istituti di credito dopo aver individuato con precisione l’appartamento o la soluzione immobiliare che fa per voi. Considerando che la maggior parte delle banche concede mutui e finanziamenti fino all’80% del valore totale dell’immobile, è essenziale conoscere in dettaglio la cifra che potete esborsare e, di conseguenza, quella che potete richiedere all’istituto. Per quanto riguarda la scelta del tasso di mutuo, il vostro consulente finanziario, family banker o istituto di credito saprà senza dubbio indicarvi quale può fare al caso vostro. In generale, per orientarsi nella scelta tra i diversi tipi di tasso è importante considerare comunque alcuni criteri di massima. Mutuo a tasso fisso: ideale per chi vuole conoscere gli importi delle rate lungo l’intera durata del mutuo e l’ammontare complessivo del proprio debito Mutuo a tasso variabile: è consigliato a chi dispone di un reddito medio-alto ed è più propenso a prendersi carico di una percentuale di rischio nel proprio investimento Mutuo a tasso misto: è ideale per chi preferisce non prendere subito una decisione definitiva sul tasso e vuole poterlo adattare alle future condizioni di mercato Mutuo a tasso capped rate: consigliato a chi vuole mantenere la flessibilità del tasso variabile limitandone i rischi e non vuole rinunciare alla garanzia di un tasso fisso (senza però sopportarne i costi maggiori) Mutuo a tasso bilanciato: suggerito a chi ha una buona conoscenza delle dinamiche dei tassi di interesse e vuole personalizzare il tasso del proprio mutuo sulla base delle proprie preferenze, cercando l’equilibrio ideale tra le caratteristiche del tasso fisso e quelle del tasso variabile Quelli che vi abbiamo fornito sono solamente alcuni suggerimenti generali relativi al mutuo sulla vostra prima casa nel momento in cui avrete individuato l’immobile in cui immaginate di svegliarvi ogni mattina. In questo senso, noi di Schiavi SpA siamo sempre a vostra completa disposizione per offrirvi, senza alcun impegno, tutta la nostra esperienza e competenza e accompagnarvi nell’importante percorso di acquisto della vostra casa in Brianza.
Acquisto prima casa: mutui e finanziamenti Nell’acquisto della prima casa, mutui e finanziamenti giocano un ruolo fondamentale per la maggior parte degli acquirenti. Proprio per questa ragione è importante conoscerli al meglio al fine di effettuare la scelta che più di tutte si adatta alle nostre esigenze. Cominciamo dalle basi e scopriamo esattamente cos’è un mutuo prima casa. Questo strumento identifica un prestito ipotecario destinato a chi non è ancora proprietario di alcun immobile. Ad oggi, si tratta della tipologia di mutuo ancora più richiesta in tutta Italia. Il mutuo viene richiesto dopo aver identificato e scelto l’immobile di proprio interesse e aver valutato se il suo costo sia effettivamente sostenibile. È infatti essenziale sapere quale cifra è opportuno richiedere all’istituto di credito, considerando che questo concede di norma fino all’80% del valore di mercato dell’immobile. Seppure è vero che esistono alcuni casi in cui viene concesso un mutuo al 100%, la maggior parte di concessioni di credito non arriva mai a coprire l’intero valore dell’immobile ed è quindi importante sapere se l’esborso del restante 20% sia effettivamente possibile. hbspt.cta.load(3786805, 'fd0cd4cd-186f-4677-8b8f-0529802ae30d', {}); Per l’acquisto della prima casa, il mutuo viene valutato chiedendo offerte a diversi istituti di credito, in modo da individuare la proposta che più di tutte si rivela vicina alle proprie necessità ed esigenze. In questo senso, in rete esistono ormai numerosi portali che permettono di mettere a paragone le proposte di mutuo di moltissimi istituti, in modo da avere già in fase preliminare una panoramica abbastanza esaustiva delle opzioni a disposizione. Una volta che il mutuo per l’acquisto della prima casa viene individuato, è il momento di compilare la richiesta formale. Generalmente, questa contiene informazioni personali come i dati anagrafici del richiedente, la composizione del suo nucleo familiare, la sua situazione lavorativa, il suo reddito, così come la descrizione dell’immobile di interesse, delle sue pertinenze e del suo valore. In base a questi dati, l’istituto di credito potrà esprimere un parere di fattibilità e dunque decidere se concedere o meno il mutuo al richiedente. In linea di massima, ferme restando alcune specifiche personali che vanno sempre tenute in considerazione e che possono influire sulla scelta della banca, questa valuta la possibilità di concessione del mutuo basandosi su quattro elementi essenziali: Il reddito del richiedente o del nucleo familiare basato sulle dichiarazioni dei redditi Il valore dell’immobile per il quale si richiede il finanziamento La presenza di eventuali garanzie a supporto del richiedente Il rapporto rata/reddito così stabilito dalla banca e che di solito si colloca attorno al 30% del reddito mensile complessivo dei richiedenti Al fine di concedere un mutuo che possa effettivamente essere pagato con regolarità e senza particolari problemi, è infatti importantissimo che la rata non gravi in modo eccessivo sul bilancio familiare. Solo in questo modo il richiedente potrà efficacemente procedere alla restituzione della somma dovuta. Nel caso in cui il mutuo per l’acquisto della prima casa venga concesso, la fase conclusiva del procedimento comporta la vera e propria stipula del contratto tramite atto pubblico e in presenza di un notaio, della banca e naturalmente del richiedente. A livello pratico, in questa fase l’istituto di credito consegna al richiedente, ora definito ufficialmente mutuatario, una somma di denaro che questi si impegna a restituire attraverso il pagamento di specifiche rate. Di solito, assieme al contratto di mutuo viene costituita anche un’ipoteca a favore della banca sull’immobile che è oggetto del finanziamento. Questa ha un valore variabile tra il 150% e il 300% del finanziamento erogato in modo da coprirne gli interessi ma anche eventuali more nel caso in cui si verifichino ritardi nel pagamento delle rate di mutuo. L’ipoteca può coprire inoltre eventuali premi assicurativi, oneri di vario tipo e spese giudiziali che l’istituto di credito potrebbe trovarsi a sostenere nel caso di recupero della somma dovuta. Cosa accade infine quando si termina di pagare il mutuo sulla prima casa? Automaticamente, l’ipoteca sull’immobile viene cancellata senza alcun onere economico per il cliente.
Acquistare una casa: conviene ancora rispetto all’affitto? Acquistare casa oppure vivere in affitto: un dubbio che affligge quotidianamente ogni giovane coppia, single o famiglia in Italia. La crisi economica che ha colpito il nostro Paese negli ultimi anni ha certamente influito in modo sensibile sulle nostre abitudini di acquisto, a prescindere dal prodotto e dal servizio. È facile dunque immaginare che la casa, bene primario e prezioso per eccellenza, sia stata anch’essa colpita dai dubbi e dai timori che continuano ad accompagnare i consumatori. Nonostante l’idea generale sia che vivere in affitto sia ancora più conveniente che procedere all’acquisto di un’abitazione, Enzo Albanese, presidente della Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari di Milano e Monza, è di parere assai diverso: “In genere, in Italia si è acquistata casa per avere una plusvalenza in uscita e non un rendimento. Tuttavia oggi, con l’inflazione a zero, dovremmo considerare il rendimento prima della plusvalenza. Se la proprietà immobiliare fosse pulita delle fiscalità connesse che vi gravano, potrebbe avere un elemento di rendimento interessante”. hbspt.cta.load(3786805, '95341a01-f3dc-4af1-97f4-dc2594512661', {}); In buona sostanza, quello che Albanese sostiene è che acquistare casa potrebbe rappresentare tuttora un vero e proprio investimento, anche in un momento ancora delicato come quello attuale. E questo sebbene, per sua stessa ammissione, anche in Italia “la locazione è diventata sempre più importante e ancora lo sarà nei prossimi anni”. Anche Mario Breglia, presidente dell’istituto di ricerche Scenari Immobiliari, tiene a precisare che sebbene l’affitto risulti ancora conveniente da un punto di vista prettamente teorico, a livello pratico le considerazioni da fare sono un po’ diverse. “In Italia la casa ha avuto funzioni diverse. Primo: è una patrimonializzazione indispensabile per una banca. Se lavoro e ho una casa, posso chiedere un prestito in banca e le banche, nel nostro Paese, contano ancora molto. Secondo: è una forma di risparmio forzoso. In genere chi affitta spende di più di chi deve risarcire un mutuo, perciò che dopo vent’anni abbia i soldi per comprarsi la casa in cui abita è una proiezione solo teorica. Terzo: in Italia la casa è una ricchezza emotiva”. Breglia sottolinea anche che, a livello statistico, gli italiani sembrano ancora molto orientati a possedere una casa, tanto da trascorrervi mediamente 18 anni della loro vita. A questo va poi sommato l’importantissimo fattore dell’attuale convenienza dei tassi. In effetti, anche il pubblico sembra essersi accorto di quanto possa risultare vantaggioso chiedere un mutuo in questo momento: secondo il CRIF, che ha recentemente elaborato le 80 milioni di posizioni creditizie degli italiani all’interno dei propri database, già lo scorso anno si è registrato un aumento delle richieste di mutuo per l’acquisto di immobili in tutta Italia. Nello specifico, rispetto al 2015 le domande sono cresciute del 13,3%, ricollocandosi grossomodo al livello degli anni 2009 e 2010. Ciò che può invece ancora migliorare è la somma richiesta: 123,000 euro contro i 136,000 precedenti alla crisi. Ai freddi numeri vanno poi sommate le importantissime discriminanti emotive che spingono i consumatori a scegliere un affitto piuttosto che un acquisto. Il concetto stesso dell’abitare è soggetto a infinite considerazioni individuali e dipendente da una serie incalcolabile di variabili – a partire dalla situazione lavorativa per arrivare a quella familiare, passando dall’età e dalle necessità e desideri personali, sino all’individuazione della casa giusta sotto il profilo logistico, estetico e funzionale. Tutti questi sono fattori difficilmente misurabili. Va poi considerato lo scopo dell’investimento, nel caso in cui si decida di acquistare casa: se l’obiettivo è affittare l’abitazione oppure rivenderla in un secondo momento, le variabili da considerare sono prettamente legate al mercato. Diversamente, se comprare casa significa viverci, sul piatto della bilancia finiscono le esigenze personali, emotive e familiari. In questo senso, finisce con l’aiutare il fatto che il mercato immobiliare stia finalmente mostrando cenni di ripresa, secondo gli ultimi dati ISTAT. Come già accennato, le compravendite immobiliari sono in aumento e le dinamiche di prezzo hanno fermato la discesa del settore. I tassi decisamente più bassi rispetto al passato con i quali gli istituti finanziari concedono i mutui sono infine uno dei dati più interessanti che stanno influendo in modo significativo sull’acquisto di una casa, sia nuova che ristrutturata.
Non riesci a trovare quello che stai cercando?
Chiamaci
+39 039 60 21 291