X Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies. Clicca Qui. OK
Carnate - Antica Fornace Case in classe A immerse nel verde Maggiori informazioni
Nibionno, Via Don Luigi Sturzo Residenza Magnolia Maggiori informazioni
Lovere - Palazzo Ferlendis La tua casa in riva al lago Maggiori informazioni
Immagina la tua casa con il nostro tour virtuale Visita gli interni della tua nuova casa. Maggiori informazioni
Milano, Piazzale Loreto Esclusivi attici Maggiori informazioni
Casatenovo, Cascina Rovagnati Recupero Fiscale, risparmi fino a 50.000 euro!!! Maggiori informazioni
Lecco, Via Magnodeno Complesso Residenziale Villa Gardenia Maggiori informazioni
Somma Lombardo, via Vignola Somma Centre Maggiori informazioni
Cremella - Barzanò Residenza Isola Maggiori informazioni
Cerca l'appartamento ideale per te
Città
Tipologia
Provincia
Schiavi S.p.A. - Costruzioni, Sviluppo e Risorse Umane La SCHIAVI S.P.A. si occupa di costruzioni edili civili e industriali, sia pubbliche che private, perseguendo il fondamentale obiettivo di contribuire attivamente, con le proprie realizzazioni, all'evoluzione degli standard qualitativi del mercato immobiliare. La prerogativa dell'azienda rimane da sempre la qualità costruttiva, il risparmio energetico e, piú in generale, la soddisfazione del Cliente.
Le Proposte Immobiliari La soluzione giusta per la tua nuova casa
Le Ultime News Gli aggiornamenti sulle costruzioni
Tutti i bonus fiscali 2017 per edilizia La Legge di Bilancio 2017, definitivamente approvata dal Parlamento, prevede diversi bonus e detrazioni fiscali per il settore edilizio. Tra queste le più importanti sono: Ecobonus. Questa detrazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017. Per interventi di riqualificazione energetica è previsto un bonus del 65% sulle spese effettuate per effettuare l’efficientamento [inserire link ad articolo specifico] Bonus mobili. La Legge di Bilancio 2017 prevede che fino al 31 dicembre si possano ottenere delle detrazioni fiscali del 50% riguardo alle spese effettuate per l’acquisto di mobili per la casa [inserire link ad articolo specifico] Sismabonus. Sono previste delle detrazioni fiscali a chi effettua interventi atti a ridurre il rischio sismico e ad aumentare la sicurezza del proprio immobile. La durata di questo provvedimento è estesa fino al 31 dicembre 2021 e il bonus cambia in base alle modifiche realizzate: 70% e 80% nel caso del passaggio di una o due classi di rischio inferiori, 75% e 85% per interventi sulle parti comuni di un edificio condominiale. Il disegno di legge prevede anche di stanziare risorse per gli interventi di ricostruzione nelle zone colpite dal sisma [inserire link ad articolo specifico] Bonus per alberghi. La Legge di Bilancio 2017 ha previsto l’estensione al 2017 e al 2018 di questo provvedimento: 65% di sgravio sulle spese effettuate per la riqualificazione di strutture ricettive (alberghi, hotel motel, b&b, attività agrituristiche) Bonus ristrutturazione edilizia. Una detrazione del 50% su tutti gli interventi di riqualificazione di modifica in abitazioni singole e condomini [inserire link ad articolo specifico] Non sono più previsti: bonus del 65% per la bonifica amianto, la detrazione del 50% per la sistemazione a verde di aree scoperte di pertinenza, cessione del credito d’imposta per le opere in singole unità abitative
Bonus ristrutturazioni 2017 La Legge di Bilancio 2017, in questi giorni approvata definitivamente dal Governo, prevede diverse novità per l’anno venturo e delle piacevoli conferme come la proroga del bonus ristrutturazioni. Per i prossimi dodici mesi, infatti, sarà possibile ottenere il 50% di sconto Irpef sugli interventi di edilizia. La detrazione non scenderà quindi al 38% come era stato paventato qualche mese fa ma va ricordato che il bonus viene concesso su un massimo di spesa di 96000 euro per unità immobiliare. Il rimborso verrà poi spalmato su più rate. Questo è un ottimo incentivo per chi desidera ristrutturare la propria abitazione, portandola ai più moderni standard di efficientamento sotto il profilo energetico, strutturale ed estetico.   Bonus ristrutturazioni 2017: i vari interventi con detrazione Sono diversi gli interventi edilizi che possono beneficiare del bonus ristrutturazioni per abitazioni e parti comuni di edifici residenziali nel 2017. Tra i vari interventi evidenziamo: Interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e ristrutturazione delle parti comuni di edifici residenziali o di singole unità immobiliari Interventi per la ricostruzione di immobili danneggiati da eventi calamitosi Realizzazione di autorimesse e posti auto Eliminazione di barriere architettoniche Installazione di grate, cancelli, porte blindate e sistemi di sicurezza Interventi per il risparmio energetico Adozione di misure antisismiche Bonus ristrutturazioni 2017: chi può beneficiare delle detrazioni Il bonus per le ristrutturazioni 2017 può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento dell’Irpef. I beneficiari delle detrazioni possono essere i proprietari o i titolari di un diritto di godimento (usufrutto, abitazione, superficie) ma anche locatori, soci di cooperative e imprenditori individuali. Il bonus è godibile anche per le spese sostenute per l’acquisto di materiale con cui eseguire poi in proprio i vari lavori.
Mutui in crescita: novità per il 2017 2I dati sui mutui sono stati molto positivi nel 2016: l’aggregato dei primi 11 mesi dell’anno scorso ha mostrato un incremento del 12,7% rispetto al 2015. La tendenza favorevole sembra consolidare un progressivo recupero verso i volumi pre-crisi, come ha riportato l’Osservatorio Crif. In attesa dei dati di dicembre che arriveranno nelle prossime settimane, possiamo focalizzarci sui numeri del mese di novembre che mostrano un +13,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, riferendosi sempre a richieste di nuovi mutui e surroghe da parte delle famiglie italiane. L’importo medio richiesto nel 2016 è stato di 123mila euro e l’analisi del Crif è chiara: “In generale si sta progressivamente consolidando il recupero degli importi medi richiesti, anche se nel breve periodo appare evidente come sia difficile il ritorno ai valori registrati a cavallo del biennio 2009-2011 quando l’importo medio si aggirava intorno ai 136mila euro. Va però ricordato come oggi sia decisamente maggiore la quota dei mutui di sostituzione che, per natura, presentano un importo inferiore rispetto a quello dei nuovi mutui”. Quattro richieste di mutuo su 5 prevedono un importo inferiore ai 150.000 euro, il 29% è proprio tra i 100 e i 150mila euro con una durata tra i 16 e i 20 anni. Il richiedente ha solitamente tra i 35 e i 44 anni.   Questi dati si ripercuotono anche sull’aumento delle compravendite immobiliari che è stato registrato dall’Osservatorio sul mercato immobiliare dell’agenzia delle Entrate. Il terzo trimestre dell’anno scorso, infatti, ha fatto segnare una crescita del 17,4% per le transazioni delle case. I bassi tassi di interesse sui mutui hanno agevolato gli investimenti, con una crescita generalizzata in tutto il Paese. L’aumento della richiesta di mutui dovrebbe proseguire anche nel 2017 considerando anche i bonus previsti dalle Legge di Bilancio che dovrebbe agevolare la possibilità di effettuare interventi di ristrutturazione e di efficientamento energetico.   (fonte Il Sole 24 Ore)